Crotone

Ripresi gli scavi a Capo Colonna: trovata testa di leone ornamentale in terracotta

Ritrovato nel parco archeologico di Capo Colonna un frammento raffigurante una testa di un leone in terracotta che ornava un gocciolatoio. Il reperto è stato recuperato qualche mese fa durante alcuni saggi esplorativi in corso sulla area limitrofa al tempio di Hera Lacinia, a qualche metro dall’unica colonna superstite dell’antico santuario. La notizia è stata diffusa via social dalla direzione dei Parchi archeologici di Crotone e Sibari.

Turismo Archeologico – Aversa: «La nostra storia è attrattore turistico»

Turismo Archeologico – Un frammento della testa di un leone in terracotta che ornava un gocciolatoio recuperato qualche mese fa durante alcuni saggi esplorativi a Capocolonna.
Questo è quanto rinvenuto, nei giorni scorsi, durante una campagna scavi appena iniziata e ancora in corso sul promontorio lacinio. La campagna è iniziata con una missione della scuola Meridionale di Napoli (Università Federico II).

Non rispettato il Progetto Antica Kroton che prevedeva la presenza di ritrovamenti archeologici in città

In Italia, numerosi sono gli esempi di città nelle quali, all’ interno della cerchia urbana sono emersi ritrovamenti archeologici che convivono con la quotidianità degli abitanti. Così si prevedeva che fosse nell’originario Progetto Antica Kroton, così non sarà, in quanto, una sciagurata rimodulazione, tenuta segreta sino all’ ultimo, ha inteso, per ragioni ancora oggi rimaste inconfessabili, cancellare ad esempio, gli scavi archeologici che si era deciso fossero realizzati in P.zza della Resistenza ed in P.zza Mantegna.

Al via i cantieri di Antica Kroton, così si potrà riscoprire l’agorà della città di Pitagora e Milone

INTERVISTA | Il contributo del coordinatore scientifico, Rescigno permette di comprendere meglio come i resti archeologici possano inserirsi in un processo di rigenerazione urbana

In attesa dei lavori di smantellamento dello stadio Ezio Scida che inizieranno a breve e che restituiranno una struttura unica al mondo, nel centro di Crotone, sono già operativi i primi cantieri di Antica Kroton. Nella zona del Gravina e di Acquabona si potrà riscoprire l’agorà della città di Pitagora e Milone. L’autorevole contributo del coordinatore scientifico, il professor Carlo Rescigno vera e propria eminenza in campo archeologico, ci permette di comprendere meglio come gli elementi archeologici possano concretizzare un reale e fruibile processo di rigenerazione urbana.

Da oggi è già possibile verificare la volontà di visione urbanistica d’assieme promessa da sempre dal dirigente Antonio Senatore, che ha assicurato come l’elemento archeologico, avrebbe comunque mantenuto un ruolo da protagonista.

La grecità di Crotone in ogni aspetto: la nuova statua di Zeus da scultore Nicotera

Come si legge dal conto Facebook di BellaCrotone.Kr

Oggi vi presentiamo la nuova statua per la città di Crotone, è ZEUS. L’imponente opera, realizzata dal celebre scultore crotonese Francesco Nicotera, raffigura Zeus, fratello e marito della dea Hera Lacinia. La statua sarà posta su un basamento di 3 metri di altezza, ma ancora non possiamo svelarvi il luogo dove sarà posizionata. Queste sono le opere che abbelliscono e arricchiscono la nostra città, che assieme alle ricchezze archeologiche la fanno diventare sempre più un “Museo a cielo aperto”.

Inaugurazione nuovo stabilimento Lacinio Liquori a Crotone: le foto

E’ stato inaugurato, sabato 15 giugno nella zona industriale, il nuovo stabilimento della Lacinio Liquori, azienda che produce l’Amaro Milone.

CROTONE – E’ stato inaugurato, sabato 15 giugno in via Mercalli, nella zona industriale di Crotone il nuovo stabilimento della Lacinio Liquori, azienda che produce l’Amaro Milone. Michele Sotero e Davide Milone,  fondatori dell’azienda, hanno accolto sia sabato mattina che nel corso della giornata centinaia di persone alle quali hanno aperto le porte del loro stabilimento.  All’inaugurazione hanno preso parte anche l’assessore regionale all’agricoltura, Gianluca Gallo ed il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce, il presidente di Confindustria Crotone, Mario Spanò.

Magna Graecia Rally 2024: Il Club Ellenico degli Amici delle Moto d’Epoca viaggia nei ellenofoni di Sud Italia

Il Club Ellenico degli Amici delle Moto d’Epoca organizza un viaggio di sette giorni dal 19 al 25 giugno nei villaggi di lingua greca del sud Italia. Questo viaggio è un omaggio ai luoghi in cui c’è stata una presenza e una storia greca per 2.500 anni.

Murales di Pitagora a Fondo Gesù, Crotone

Murales di Pitagora a Fondo Gesù, Crotone

Rievocazione storica antica greca in Crotone: “Nebris – la follia della danza” (fot.)

Si è svolta a Crotone (Capocolonna) alle 5:00 di mattina (domenica 2 gugnio) nel Parco Archeologico lo spettacolo di danza “Nebris – la follia della danza”, una rievocazione storica magno greca con le brave e belle ballerine della Scuola di danza Olimpia – “Le Krotoniadi” settore danza Magno Greca, con la direzione artistica di Alessandra Blaconà, in collaborazione con il Consorzio Jobel e la Direzione regionale Musei Calabria.

Ricostruzione digitale (vid.) di Syracusia di Archimede da @flipped prof (Marco Mellace)

Siracusia, il colosso del mare

Siracusa era probabilmente uno dei più grandi mezzi di trasporto del mondo antico. E’ stata costruita nel 240 a.C. ed era davvero l’ottava meraviglia dell’antichità, un progetto incredibile. Siamo qui, vicino al porto di Crotone, la grande e potente città della Magna Grecia che sostenne Annibale durante la seconda guerra punica. Il progetto della creazione di Siracusa è stato fatto da un uomo che è stato sia testimone che vittima della seconda guerra punica. Il suo nome è Archimede di Siracusa, un matematico e inventore di grande talento che rese molto difficile per Roma conquistare la grande potenza greca Siracusa, la città siciliana.